lunedì 20 giugno 2011

qualcuno accenda la luce,per favore!

Hai presente quando i pensieri si fanno liquidi?
T'invadono come un'onda. Il mare del ricordare.
Non posso resistere e, se provo e, provo, più perdo. Nessuna possibilità di fermarli.
Il profondo riemerge. Il sepolto vive. Il non detto si svela.
Accade quando mi fermo. Non ho più resistenze.
Lo capisci?
La mente cresce come un giardino selvaggio.
Incolto, incontrollato.



foto di anna bodnar

44 commenti:

  1. mal comune mezzo gaudio :-)))))

    RispondiElimina
  2. a volte siamo schiavi della mente, a volte camminiamo a braccetto ;)

    RispondiElimina
  3. Ti annegano, e tu non puoi più fare nulla. Lottare è inutile. Lasciarsi andare è l'unica via di scampo.
    O è l'unica via di abbandono, più che di salvezza.
    Ti seguo :*

    RispondiElimina
  4. @blueberry:senza di lei non andiamo da nessuna parte

    RispondiElimina
  5. La mente cresce come una coltre di rovi..

    RispondiElimina
  6. @giugiu-chan: salvezza e abbandono,magari, potrebbero coincidere qualche volta

    RispondiElimina
  7. @venerdì:ma non é un urlo.e non necessariamente é riferito a qualcuno.può anche essere una caratteristica di sè.

    RispondiElimina
  8. @thana: ecco perchè ho le braccia piene di graffi

    RispondiElimina
  9. si ho presente e il malinconico abbraccio dei ricordi ha presente me. (filo)

    RispondiElimina
  10. Ho capito: stai leggendo Bauman!

    RispondiElimina
  11. @euridice: hai ragione "vita liquida",non ci avevo pensato.é che lavoro di notte,a volte.
    persa la magia :-)

    RispondiElimina
  12. ci sono fiori bellissimi nei giardini selvaggi ...

    RispondiElimina
  13. qualche volta infatti sembra chiaro che tutto sara' per sempre, in un certo qual senso che mi sfugge.

    RispondiElimina
  14. @alpexex: per sempre e mai.bruciamo le vie di mezzo

    RispondiElimina
  15. La luce l'ho spenta tre giorni fa. Sto bene così per ora e ricordo tutto vivamente. Usi il blog come srotola cavi? O come aiuto per navigare dentro il liquido? La foto è molto bella.

    RispondiElimina
  16. ... Io ho molto Ben presente
    mio malgrado ...

    Me l'ero persa questo post.
    Sono sempre meno di qui.

    RispondiElimina
  17. A volte sono quelle stesse onde a cullarci, non credi? Un saluto

    RispondiElimina
  18. @lunariu: non so decidermi, lo in entrambi i modi. beh la foto l'ho solo scelta

    RispondiElimina
  19. @noir: mi dispiace stai poco quì ma capisco le ragioni

    RispondiElimina
  20. Spero anch'io che si rendano conto di tutto, prima o poi...*Ti abbraccio forte e grazie...*

    RispondiElimina
  21. il pensiero, quando si fa liquido e scivola, lasciamo scorrere, lentamente.
    la mente vacilla. il corpo arraffa...

    RispondiElimina
  22. Belle parole e bella foto. Esiste un pensiero che si riduce, invece di crescere: impersonale, disciplinato, quasi senza oggetto, un simile pensiero costruisce minuscoli giardini perfettamente ordinati, da fare invidia alle ville settecentesche. Ovviamente, ha un difetto: non serve alla vita. Un saluto

    RispondiElimina
  23. @yanez:aggiungo che mi paiono anche noiosi quei giardini-pensieri

    RispondiElimina
  24. Non per tutti, io ci passeggio sempre e ci sto benissimo. Sono pieni di fiori dai colori delicati, senza alcun profumo.

    RispondiElimina
  25. e che senso ha se non hanno profumo?

    RispondiElimina
  26. La mente non fa altro che crescere come l'erba gramigna ai crocicchi. E' possibile tenerla a bada, addomesticandola ed allenandola, ma non è possibile fermare la sua crescita, purtroppo. O per fortuna.

    RispondiElimina
  27. :-) bella metafora.ci sta benissimo.sì purtroppo o per fortuna...

    RispondiElimina
  28. giardinieri che lavorano con divani di pelle e non rilasciano fattura ;)

    RispondiElimina
  29. non ci sono vie di mezzo da bruciare. le vie di mezzo basta aspettare ed evaporano.

    RispondiElimina
  30. L'ho detto che sei "inconfondibile"... :-)

    RispondiElimina
  31. lo prendo come un complimento ;-))))

    RispondiElimina
  32. Pensieri liquidi.
    La metafora rende.
    L'acqua non ha freni, arriva ovunque, passa per qualsiasi fessura.

    RispondiElimina
  33. si,esatto.é l'idea che volevo dare

    RispondiElimina
  34. mi ricordi Antichrist, il film di Lars von Trier.
    andre lenor.

    RispondiElimina