giovedì 19 maggio 2011

esile

Non rappresento il mito della bellezza urlata e abbondante.
La carne non esce quando non deve.
Ubbidiente e schiva.
Algida e discreta con la luce. Lasciva solo nell'ombra.
Non sono prorompente.
Ma esile.
Acerba.
Spigolosa.
Bianca.
Diafana.
Una donna bambina.


Foto di Abanna

26 commenti:

  1. Ottimi... davvero ottimi ingredienti.

    RispondiElimina
  2. :-) ci fai un piattino di quelli...

    RispondiElimina
  3. Come sempre, un accostamento tra parole e scatto (immenso) che non poteva essere migliore. Grandissima. Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  4. vlad:e tu sei sempre gentilissimo

    RispondiElimina
  5. @euridice: sì,lo ammetto.anche se non é tanto questo a poter rendere il rapporto con se stessi il più equilibrato possibile.poi conta di più piacere a chi ci piace.

    RispondiElimina
  6. beh..non voleva essere questo il senso del post,però.

    RispondiElimina
  7. oddio, te ne do ben volentieri un po' della mia di carne.

    RispondiElimina
  8. mm...potrei incollarla da qualche parte effettivamente

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Esile come una spiga di grano che danza con il vento e si lascia baciare da un sole che vuole farle esplodere il cuore di chicchi.
    (occorre un involucro trasparente per far posare gli occhi sulla bellezza del contenuto, piccola mia)

    RispondiElimina
  11. ogni donna rimane bambina. ;) bel blog cara..un saluto, l.dew

    RispondiElimina
  12. Bellissima :)

    di quella bellezza, che diceva Dosto, che salverà il mondo.

    Un saluto

    RispondiElimina
  13. Mi sono fermato per la grafica, per i colori e la trasparenza. La foto dell'intestazione è splendida. Dovrei riuscire anche a leggere le parole. Mi fanno paura qui.

    RispondiElimina
  14. @ filo: tu sei poesia
    Occhio.Cavo (ho problemi con i commenti)

    RispondiElimina
  15. @lightdew :grazie cara!
    occhio.cavo

    RispondiElimina
  16. @noir: si la bellezza può salvarci.ci credo in questo.non del corpo ma dell'arte magari
    occhio.cavo

    RispondiElimina
  17. @harry: perchè ti fanno paura le parole quì?
    occhio.cavo

    RispondiElimina
  18. Sì occhio, mi riferivo a quella anche io ;-)

    RispondiElimina
  19. questa mi è piaciuta particolarmente...

    RispondiElimina
  20. Torno sempre a questo post, ché un pò m'assomiglia. "La carne non esce quando non deve" lo trovo sublime! A cosa servono certi volumi?
    Pensa al tempo dell'orgasmo di una femmina, sempre troppo veloce; dura pochi secondi, perché intorno, prima, durante e dopo c’è necessariamente dell’altro...Ecco, in noi c'è -anche-, dell'altro.Stai bene

    RispondiElimina
  21. é come la felicità,che non sento essere uno stato duraturo ma un momento.quando lo si vive nemmeno ci si accorge.un orgasmo é un momento di felicità.

    RispondiElimina