martedì 10 maggio 2011

rewind

Eccomi, a cercare pensieri alla rinfusa. Parole accatastate, una sopra l'altra, come oggetti in disordine perenne.

Sento l'aria pungente entrare, respiro.
Respiro intensamente nel mio corpo.
Forse é la paura di non sapere più. Di occasione raccolte e lasciate andare tra mani sporche.

E nelle coscienze che non cercano, rimane la polvere.


13 commenti:

  1. Dio, come sei brava a descrivere le tue sensazioni in modo così non convenzionale, ma diretto. Eccezionale. Io non adoro per niente Bjork (escluso qualche pezzo, come ad esempio la colonna sonora di Sucker Punch), ma devo ammettere che con questo pezzo, ci sta perfettamente.

    RispondiElimina
  2. grazie vlad. non mi sento una fan propriamente detta di bjork ma credo che la sua musica, come molta musica ambient, o i portishead,these new puritans ecc abbiano una particolare capacità di adattarsi alle sensazioni,alle parole.mi regalano una sensazione ovattata.

    RispondiElimina
  3. sei una persona che avrei voluto conoscere prima, almeno un quarto d'ora prima. nella mia biografia.

    RispondiElimina
  4. I go weak in the presence of poetry...

    RispondiElimina
  5. @satira:mai troppo tardi per modificare la stesura di una biografia :-)

    @venerdì:bacio

    @noir:grazie,anche a te

    RispondiElimina
  6. Dovresti acquistare uno swiffer...

    RispondiElimina
  7. -.- Buon week occHio

    mi son accorta ora che siam dello stesso segno e ascendente :D

    scappoooo :D ciao

    RispondiElimina
  8. Se non cercano avranno delle buone ragioni.
    Spero.

    RispondiElimina
  9. possibile.forse saranno più felici.

    RispondiElimina
  10. Chi non sa è di certo più felice di chi sa.

    RispondiElimina