martedì 7 giugno 2011

Ho girato la testa e...

Se la verità non fosse tangibile non saprei che farmene.
Se non scivolasse sotto il suono dei miei passi.
Se non fosse veleno da iniettare sotto pelle.
Se non scarnificasse l'esistenza fino all'osso.

Mentre le verità si poggiano sulle labbra e si dimenticano prima ancora di essere dette.
Nate già morte.



foto di lilyana karadjova

47 commenti:

  1. immagino che prima o poi, come tutti i miracoli, la verita' ci piombera' addosso come un bullone in piena fronte, scagliato da una qualche fionda cieca.

    RispondiElimina
  2. Mah, la verità, è così soggettiva. Non riesco a farci troppo affidamento.
    Laura <3

    RispondiElimina
  3. La verità ti renderà libera.
    Bacio

    RispondiElimina
  4. La verità a volte fa male. La verità ci rende liberi. La verità a volte ci isola. La verità, io la preferisco sempre e comunque. Io sto dalla sua parte...bellissimi versi.

    RispondiElimina
  5. @alpexex: e a ricordarcelo avremo un grosso bernoccolo dolente

    RispondiElimina
  6. @ L.: le verità dovrebbero essere soggettive ma qualcosa di oggettivo e imprescindibile dovrà pur esserci no?!un punto a capo.

    RispondiElimina
  7. @venerdì:però quando io troverò lei la legherò...così non mi scappa...ahahahah

    RispondiElimina
  8. @officina: sì nel nostro tempo tutto é opinabile...
    (e non voglio sembrare il papa a dire così però) ;-)

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. E' che vorrei sovrapporre la tua verità alla mia. Scivolare con le dita su quei lembi che non si sovrappongono. Lembi smarriti in un'assenza, dal non colore della trasparenza , che non consente di raccontarci "Esistiamo". Verità ti odio. Odio la rappresentazione del nulla alla quale ti presti, sempre.

    RispondiElimina
  11. chissà quale contorsione di luce verrebbe fuori dal nostro sovrapporre.lo potremmo urlare quel "esistiamo" se sotterfugi e racconti

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. @occhio.cavo probabilmente, qualsiasi cosa sia e da qualsiasi case origini, la sua sostanza e la sua violenza sono cosi' inusuali e intense che non la reggeremmo neanche se avessimo il cranio in titanio. aggiungo al precedente commento questa parte: probabilmente e' l'impossibilita' di assorbirne l'interezza, che la rende percepita come soggettiva e sospetta di non esistenza.

    RispondiElimina
  14. trovo sia un interessante spunto di riflessione. forse siamo troppo piccoli e maldestri per riuscire a comprendere ad accettare il vero che ci circonda

    RispondiElimina
  15. non ti capita mai di avere dei barlumi di verita' che ti compaiono all'improvviso di fronte? sono visioni tremende, insostenibili, per fortuna rare. quando capita, scopri che tutto e' identico a sempre, ma che mai, se non per pochi secondi, ti era parso di vederlo veramente. che so... parlo di una notte solita, sotto casa di un amico, prima di ripartire per andartene a dormire, quando lui e' appena sparito nel portone e tu osservi sbigottito i palazzi intorno, e per un momento, solo uno, ti accorgi che esistono infinite finestre buie con infinite teste addormentate al loro interno. e per quel momento questa consapevolezza semplice, ti scortica il cervello come farebbe un grattacacio maneggiato da un boia.

    RispondiElimina
  16. e' il motivo per il quale ci perdiamo pensando alla liberta'. il motivo per il quale la consideriamo impossibile. di fronte alla moltitudine delle psicologie e alla eternita' del tempo, ci sentiamo come una bacinella che debba contenere un oceano.

    RispondiElimina
  17. la verità ... ha volte è meglio saperla, che dirla.

    RispondiElimina
  18. In qualità di bugiarda io non so riconoscerla..o forse sì..mumble mumble

    RispondiElimina
  19. Certe verità somigliano troppo alle opinioni.
    Per questo vengono cambiate sovente. E somigliano a tutt'altro.

    RispondiElimina
  20. @alpexex: si cose simili mi capitano.e mi sorprendono sempre.anzi mi fanno trasalire

    RispondiElimina
  21. @gio:me ne accontenterei anche io mi sa

    RispondiElimina
  22. @cura:wielà!buon pomeriggio bugiarda cronica!aiaiaia

    RispondiElimina
  23. @euridice:hai ragione.per questo ho scritto "la verità" e "le verità".a volte si confondono tra loro e non dovrebbe

    RispondiElimina
  24. nessuno è sincero al 100%, nemmeno con se stesso.

    controindicazioni nemmeno per dimezzare le amicizie da quanto ne so, a volte anzi, catartico! ;)

    RispondiElimina
  25. Certe verità bisogna essere pronti per sentirle, che se non lo si è, ti ammazzano

    o ammazzi tu loro dopo averle sentite :)
    dipende dai punti di vista.

    Comunque il più delle volte, sì, nascono già morte.

    RispondiElimina
  26. t'immagino mentre le ammazzi ;-)

    RispondiElimina
  27. mi sento un tantino una serial killer
    nell'ultimo periodo :D

    di solito son meglio :)

    l'orologio qui mi fa le 02.34
    che ci faccio al lavoro allora?
    ecco perchè ho sonno ihihihh

    RispondiElimina
  28. Come sempre hai usato tutta la tua maestria per questo splendido pezzo. La tua arte mi sconvolge e mi emoziona. Complimenti..

    RispondiElimina
  29. ...
    Non ti serve a nulla sapere la verità
    e avere ragione,
    se quando gridi sai che
    non ti ascoltano più.
    Ti chiederanno di giurare
    ti chiederanno di marciare
    ti chiederanno le stesse cose
    come hanno fatto a me.
    Diranno che è tutto tuo
    e se tenti di cambiarlo
    ti pesteranno più forte
    come hanno fatto a me.
    Non ti serve a nulla sapere la verità
    e avere ragione,
    se quando gridi sai che
    non ti ascoltano più.
    Ti racconteranno la storia
    e col passare del tempo
    ti benderanno gli occhi,
    come hanno fatto a me.

    carlos varela

    RispondiElimina
  30. Ho imparato a prendere appunti
    il taccuino delle verità da non dimenticare.
    Ho messo la sveglia al cellulare
    perché mi rammenti ogni giorno di sfogliarlo.
    Le verità scomode
    quelle che vorresti dimenticare
    andrebbero tatuate sui dorsi delle mani.

    RispondiElimina
  31. @vlad:non é arte.ma se ti smuove qualcosa posso solo esserne contenta.

    RispondiElimina
  32. @giardigno: quello degli altri é un altro problema

    RispondiElimina
  33. @venerdì: saggio,forse troppo per una come me

    RispondiElimina
  34. Grazie per essere venuta sul mio blog :-) Bello questo spazio!

    RispondiElimina
  35. la verità è che siamo noi a scivolare...a scivolare su noi stessi e sulle verità stesse...
    dovremmo provare sempre a ricordare...e ricordare anche di dimenticare le cose che davvero meritano di stare nel dimenticatoio!

    RispondiElimina
  36. @marta:eppure mi sa che sono proprio quelle che non riusciamo a farcele scivolare via

    RispondiElimina
  37. Che belle parole, davvero, ti fanno pensare!
    Vieni a vedere il mio blog, se ti va!
    xoxo
    G

    RispondiElimina
  38. oh ma certo che accetto l'invito...ora son curiosa!!

    RispondiElimina
  39. assolutamente vero... stupenda!
    Ciao! questo blog è magnifico, abbiamo le stesse passioni! Che ne dici di seguirci a vicenda? Mi farebbe piacere se passassi a dare un'occhiata al mio! Questo è l'indirizzo: http://glamourmarmalade.blogspot.com/ Se ti va su facebook Martina Cancellotti, magari parliamo di poesia visto che sono un'appassionata della scrittura e non a caso ho studiato Lettere!
    Grazie! Baci, Marti! ;DDDDD

    RispondiElimina